Insegnare al cane il comando LASCIA



Oggi forse affronteremo il comando più utilizzato in assoluto, soprattutto da tutti coloro che come me hanno un labrador, come insegnare al cane il comando LASCIA.
L'appetito dei cani è famoso, quello dei labrador risaputo, quello di Attila…imbarazzante! C'è qualche amico del parco che all'inizio pensava che il mio cane in realtà si chiamasse "Lascia"!
Attila è capace di fagocitare di tutto, dagli avanzi di merendine, alle radici degli alberi, ai sassi, passando per i cestini della spazzatura, fino ad arrivare ai fazzoletti di carta e ad ogni tipo di oggetto inanimato…a volte è più simile ad un tritarifiuti che ad un cane.

Ma a parte gli scherzi questo comando è molto importante, e ci permette di prevenire spiacevoli incidenti come ad esempio quello che il nostro cane possa ingerire qualcosa di pericoloso per il quale bisognerebbe poi intervenire chirurgicamente.
Come sempre prima di iniziare vediamo di cosa avremo bisogno per affrontare la lezione di oggi: biscotti, collare e un gioco, possibilmente il suo preferito (1).



Il ruolo che svolgerà oggi il biscotto potrà essere pian piano sostituito da un'altro gioco, per poi arrivare a sostituirlo semplicemente con il comando vocale.

Direi che ci siamo e possiamo iniziare.
Per poter provare questo comando la prima cosa da fare è alzare leggermente il livello di eccitazione del cane, facendolo prima giocare. 
Questo perché attraverso il gioco e l'interazione con noi, dobbiamo fare in modo che il cane si interessi particolarmente al suo gioco al punto che difficilmente vorrà lasciarlo e, proprio in questo contesto andremo ad inserire l'insegnamento del nuovo comando LASCIA.
Una volta che ci rendiamo conto che il nostro cane è pronto (2) possiamo iniziare la nuova lezione.
Mentre il cane ha ancora in bocca il gioco avviciniamo la mano con il biscotto al suo naso, a questo punto per prendere il premio lascerà cadere il gioco e proprio mentre questo accade pronunciamo il comando LASCIA dandogli immediatamente il meritato premio (3).


Se non dovesse lasciarlo, cosa molto difficile visto che la contropartita è un succulento biscotto, possiamo aiutarci leggermente con il collare, prendendolo e sollevandolo delicatamente (4).
Mi raccomando, se vi rendete conto che non ha alcuna intenzione di lasciare il gioco, NON cercate di strapparglielo dalla bocca (5). 
Facendo così otterrete esattamente l'effetto contrario, lui potrebbe interpretare questo gesto come una vostra predisposizione a giocare, e a quel punto per lui il gioco sarà proprio fare in modo, che voi non riusciate a prendere l'oggetto che lui tiene in bocca.
La cosa importante da capire in questa lezione, ma che servirà anche in altri contesti è il concetto di "alternativa". Spesso quando chiediamo qualcosa al nostro cane dobbiamo essere in grado di fornirgli un'alternativa, o comunque qualcos'altro che sia più interessante di quello che già sta facendo.

Ovviamente il massimo risultato da raggiungere sarebbe che quel qualcosa, quell'alternativa, non sia rappresentata da un biscotto o da un altro giocattolo, ma che siate proprio voi come persona la cosa per lui più interessante, voi in quanto suo fidato compagno! (6)


Come ho accennato all'inizio questo comando può essere insegnato gradualmente, iniziate con il biscotto, sostituitelo man mano con un altro gioco ed infine provate senza nessuna contropartita, al massimo aiutandovi semplicemente con il collare.

4 commenti:

cinzia ha detto...

mi serviva proprio... maya è divoratrice proprio come attila, metti anche che ha un giardino tutto per se e il risultato è che preferisce spesso rosicare anzicchè giocare... cmq come sempre spiegazione impeccabile... proverò subito e alla prossima :)

cilla r ha detto...

Si possono seguire le stesse indicazioni e si può usare lo stesso metodo con un cucciolo di labrador che morde vestiti e scarpe e non ha mai la minima intenzione di mollare la presa??
Grazie :)

Lestat May Manson ha detto...

Il mio è un incrocio setter-labrador ma si comporta come Attila, nel comportamento infatti è esattamente un labrador, esteticamente ha preso da tutti e due più qualche altro strano miscuglio!
Proverò a metterlo in pratica! Grazie!

Gianluca Tinti ha detto...

Consiglio a tutti la migliore guida per addestrare il proprio cane, la trovate utilizzando il link qui sotto:
http://bit.ly/1Osy02I